Home SPORT Calcio / Coppa Svizzera: avanti Lugano, ArbedoCastione e Bellinzona

Calcio / Coppa Svizzera: avanti Lugano, ArbedoCastione e Bellinzona

80
0

Con la sola e sostanziale eccezione del Chiasso, franato (0-3; 14.o, Vitor Augusto Gregorio Cappellini su rigore; 33.o, Nahuel Allou; 81.o, Genc Krasniqi) sul campo del Rotkreuz, per quanto riguarda le ticinesi si è chiuso in linea con le aspettative il turno del fine-settimana (32.i di finale) della Coppa Svizzera di calcio. Solo al supplementare, e dopo riaggancio riuscito allo scadere dei regolamentari (90.o, Patrick Berera in risposta a Moritz Angehrn, 15.o), il 2-1 dell’ArbedoCastione sul campo del Wittenbach; di Alessandro Ambrosetti al 115.o il goal decisivo. Un brodino per il Bellinzona, ancora alle prese con la repentina uscita di scena del tecnico David Sesa, nel 4-1 (Mehmet Manis, Cristian Souza e due volte Tresor Samba per i granata) sul Widnau. Relativamente comodo il 5-1 del Lugano a Näfels sul Linth04: a bersaglio Allan Arigoni (23.o e 42.o), Hicham Mahou (73.o) e Maren Hailé-Selassié (rapida successione, 79.o ed 80.o), padroni di casa in goal con Amar Sabanovic (88.o). Onorevole l’addio alla competizione da parte del GambarognoContone, battuto in casa (0-5: 4.o, Pädi Gjidoda; 21.o, Nick Dubler; 68.o, Elis Isufi; 76.o, Mario Bühler; 86.o, Rrezart Hoxha) dal Kriens. Fra i risultati eclatanti nel fine-settimana, il 9-7 del Wohlen sul Kreuzlingen (ma solo ai rigori; le squadre si erano lasciate sul 4-4 dopo i supplementari), il 10-1 dello Youngboys sullo Schönberg ed il 15-0 del San Gallo sul Rorschach.

Accoppiamenti per i 16.i di finale, da disputarsi tra venerdì 16 e domenica 18 settembre: Lugano in trasferta contro il Breitenrain, Bellinzona in casa con il Lucerna, ArbedoCastione in casa con il Sarmenstorf. Nella foto, la soddisfazione di alcuni giocatori del Kriens dopo un goal contro il GambarognoContone.

Previous articleAcquarossa: precipita nel riale di Prugiasco, 56enne perde la vita
Next articleBorse affossate dai banchieri centrali. Zurigo fa muro, l’euro va al tappeto