Home SPORT Calcio / Coppa Svizzera, 90 minuti da manuale e il Lugano è...

Calcio / Coppa Svizzera, 90 minuti da manuale e il Lugano è in semifinale

480
0

Oh, se fosse sempre tutto come in Coppa; oh, se i campionati avessero formula eguale a quella della Coppa, una partita secca via l’altra. Oh, signori: vedreste il Lugano in cima alla Svizzera, ma di più, in cima al mondo. Perché ‘sta benedetta squadra, che tra agosto e maggio o giugno sbanca campi “impossibili” ma è capace di tracollare a domicilio contro l’ultima fra le ultime della pista, sui 90 minuti di una partita secca è e resta un portento bellico; e prova provata, stasera, giunse da Sion dove non sanno più a quale santo votarsi, fatte salve le reiterate scemenze di mercato e le giubilazioni in serie di allenatori e altro, sicché i bianconeri non solo vinsero accedendo alle semifinali ma vinsero stravincendo, controllo sereno del confronto sino alla pausa, pochi i rischi corsi, ultima mezz’ora alla Settimo cavalleggeri. 3-0, dirà il tabellone, e senza remissione: Mohammed Amoura per l’1-0 (62.o), Ignacio Santiago Aliseda per il raddoppio su rigore (72.o), a chiudere i conti Jonathan Sabbatini che di cognome è anche Perfecto ed un terzo sigillo a nove minuti dal termine, di fatto a chiusura di una cadenza, alla perfezione è designato e disegnato. Non vi si racconta nulla, ché l’avrete capito prima ancora di noi, circa l’umore dei 4’100 e passa che si erano dati appuntamento sugli spalti del “Tourbillon”.

Al turno successivo accedono anche Youngboys (ieri un 5-0 in trasferta a Thun) ed il Basilea, impostosi per 2-1 a San Gallo con goal-partita nei supplementari; il quarto ed ultimo nome uscirà dalla sfida Rotkreux-Servette, questione di ore. Semifinali tra martedì 4 e giovedì 6 aprile; atto conclusivo domenica 4 giugno. In immagine, Mattia Croci-Torti, allenatore dei bianconeri.