Home ECONOMIA Borse, tensione batte speranza. Bitcoin, il tuffo e poi la risalita

Borse, tensione batte speranza. Bitcoin, il tuffo e poi la risalita

87
0

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 18.22) Niente parametri di riferimento da Wall Street (chiusa ieri per la celebrazione del “Giorno dell’Indipendenza”, oggi tuttavia con tracce positive), incertezze nel quadro geopolitico (oltre ai conflitti militari in corso sui margini del Vecchio Continente, il peso dei risultati elettorali nel Regno Unito ed il probabile, prossimo ribaltamento degli equilibri in Francia) e l’attesa per i dati sull’occupazione negli Stati Uniti (al riscontro giunto nel pomeriggio: tasso dei senzalavorol al 4.1 per cento, in linea con le aspettative) quali elementi in concorso sull’andamento odierno delle piazze borsistiche europee, con evidenza finale in contrasto con la pur tenue cifra verde prevalente sino ad un paio di ore dalla chiusura delle contrattazioni. Per quanto riguarda Zurigo, listino primario compresso fra il “più 1.42” per cento del titolo “Partners group Ag” ed il “meno 1.89” del titolo “Sonova holding Sa”; frustrato il rimbalzo “Roche holding Ag”, che dal margine utile superiore alla figura intera si ritrova a filo di parità (meno 0.04); a sintesi, “Swiss market index” su quota 12’006.14 punti ovvero con perdita pari allo 0.52 per cento. “Ams-Osram Ag” sotto la lente dei cacciatori di affari nell’allargato e dunque in significativo apprezzamento (più 5.32 per cento, dopo aver sfiorato la doppia cifra, con oltre 8.2 milioni di pezzi negoziati per un controvalore di quasi 12 milioni di franchi).

Dalle altre piazze: Dax-40 a Francoforte, più 0.14 per cento; Ftse-Mib a Milano, meno 0.35; Ftse-100 a Londra, meno 0.45; Cac-40 a Parigi, meno 0.26; Ibex-35 a Madrid, meno 0.39. “Dow Jones” incerto (meno 0.18 per cento), S&P-500 incoraggiante (più 0.31), Nasdaq in posizione di sparo (più 0.75). Cambi: 97.17 centesimi di franco per un euro, 89.72 centesimi di franco per un dollaro Usa; sbandata e poi parziale recupero per il bitcoin, ora al controvalore teorico di 50’692 franchi circa per unità ovvero con perdita ridotta dal cinque al due per cento circa rispetto al prezzo medio di ieri.