Home CRONACA Bellinzona, restano tutti in custodia i rissaioli di Giubiasco

Bellinzona, restano tutti in custodia i rissaioli di Giubiasco

Qui, nessun allentamento. Restano tutti sotto custodia diretta o indiretta del sistema penitenziario ticinese (uno dei soggetti, come si ricorderà, era stato ricoverato causa grave lesione alla testa da probabile oggetto contundente) i sei giovani fermati, uno via l’altro, a partire dal pomeriggio di mercoledì 24 febbraio per la rissa scoppiata intorno al mezzogiorno in quel di Bellinzona quartiere Giubiasco, zona di via Linoleum: così nelle determinazioni del giudice dei provvedimenti coercitivi. Nell’inchiesta, con “dossier” aperto davanti alla procuratrice pubblica Marisa Alfier, sono coinvolti un 21enne svizzero di origini non precisate (si tratta del ferito più grave quale conseguenza degli atti di violenza intercorsi; fu urgente il ricovero, ignote al momento le condizioni di salute), tre altri svizzeri (28, 21 e 18 anni) di origini non precisate, un 26enne colombiano e un 19enne italiano, tutti con domicilio nel Bellinzonese. Tentato omicidio, lesioni gravi (in subordine, lesioni semplici), aggressione, rissa e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti i principali addebiti mossi sull’avvio delle indagini.