Home POLITICA Astano torna… appetibile: moltiplicatore dal 130 al 110 per cento

Astano torna… appetibile: moltiplicatore dal 130 al 110 per cento

Quella del 2019 fu una necessità, per le note questioni di sbilancio cioè casse pubbliche secche come un lichene a fotosintesi azzerata per il freddo; ed ancora si hanno nelle orecchie le polemiche, ché un moltiplicatore d’imposta comunale al 130 per cento non passerebbe sotto silenzio nemmeno quand’uno potesse permettersi di stampare denaro in cantina. D’ufficio sui cittadini di Astano il gravame calò in quell’entità di gravame; d’ufficio essa rimane anche per il 2020, ma con significativa decurtazione: ad indicarne l’assetto al 110 per cento, pur sempre una botta ma fra il nulla ed il piuttosto è sempre meglio il piuttosto, voce giunta oggi da Palazzo delle Orsoline sponda Esecutivo. Nessun miracolo sotto il cielo del Malcantone; si parli piuttosto di una mano generosa, di un segno particolare di attenzione proprio dall’autorità politica cantonale, ed in pratica “è stato tenuto conto degli sforzi intrapresi dalle autorità comunali per porre rimedio alla difficile situazione finanziaria del Comune” sicché è stato stanziato un aiuto supplementare. Secondo i dati da Preventivo 2020, ad Astano sarebbe stato da applicarsi un moltiplicatore pari al 145 per cento; grazie al contributo supplementare da mettersi sùbito in bilancio, e questo sulla scorta di quanto previsto nel testo della Legge sulla perequazione finanziaria intercomunale, per il 2020 varrà per l’appunto un relativamente sopportabile 110 per cento. Unica condizione: ad Astano niente nuovi crediti di investimento e nessuna nuova decisione dalla quale derivvi un aggravio al conto economico comunale rispetto a quanto stabilito nel Preventivo 2020. Il che non dovrebbe risultare difficile…