Home CRONACA Anziana uccisa a Caslano, per il nipote l’accusa è assassinio

Anziana uccisa a Caslano, per il nipote l’accusa è assassinio

Inevitabile, nella linea e nei termini, il rinvio a giudizio, e sui massimi delle imputazioni possibili. Sarà chiamato a rispondere di assassinio, incendio intenzionale e turbamento della pace dei defunti, oltre che di contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, l’ora 24enne abitante nel Luganese e che da venerdì 6 luglio si trova in stato di detenzione quale presunto responsabile della morte di una 81enne cittadina svizzera, madre di uno dei suoi genitori, per i noti fatti occorsi, nello stesso giorno dell’arresto del giovane, in un edificio di via Chiesuola 5 a Caslano. Nelle scorse ore l’intimazione dell’atto di accusa alle parti per firma della procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.