Home CRONACA 2020 vs. 2019 (11) / Stesso contesto, stesse frasi, senso opposto…

2020 vs. 2019 (11) / Stesso contesto, stesse frasi, senso opposto…

L’avrete notato: forse mai come in questo periodo si sono ribaltati senso, valore e percezione di un concetto o un pensiero corrente. Da qui una nuova rubrica temporanea per… accompagnarci durante il residuo periodo di quarantena da “Coronavirus”, vero e proprio spartiacque nei comportamenti (se non di tutti, almeno della maggior parte di noi). Oh, da prendersi alla leggera, puntata quotidiana dopo puntata quotidiana. Un semplice confronto, via, tra ieri ed oggi.

*****

2019 – Conversazioni telefoniche sulla quotidianità: “Bisogna far uso dei soli mezzi pubblici, al lavoro potete andare anche a piedi, stiamo asfissiando ed annegando per eccesso di inquinamento, l’inquinamento è male assoluto… Plastica, si può fare a meno, ricorrere alle alternative, biologico su ogni scaffale dei supermercati, a morte gli imballaggi, sta cambiando il mondoooo, tassare tutto quel che è plastica, bicchieri compostabili al “Rabadan”… Thunberg la profetessa, Thunberg nostra guida, Greta, Greta, superGreta, per fortuna c’è Greta, la ragazzina cui abbiamo rubato l’infanzia e che dovrebbe essere a scuola e non a tenere conferenze… Manipolata? Malata? Ma no, è un complotto dei “Bilderberg”, viva Greta che va in apertura di telegiornale e che ci fa scioperare per il clima e che dà lezione ai potenti della Terra…”.

2020 – Conversazioni telefoniche sulla quotidianità: “Scusa, Greta… chi? La Garbo? Ah, grande attrice…”.