Home CRONACA Vox populi / «“Museo di storia naturale”: dove, e come raggiungerlo?»

Vox populi / «“Museo di storia naturale”: dove, e come raggiungerlo?»

0

da Mattias Schmidt, Lugano

Prendo spunto da un articolo comparso sulla “Regione” in merito alla discussione sul luogo dove insediare il “Museo di storia naturale”, fino ad oggi sito a Lugano. Questi musei, solitamente, si trovano nei centri cittadini, facilmente raggiungibili con il trasporto pubblico. Faido si batte per ottenere la sede di questo museo, al posto di Locarno, località per ora prima scelta del Consiglio di Stato. Secondo quanto riferito nell’articolo, una delle ragioni adottate dall’Esecutivo cantonale per rifiutare la proposta leventinese consiste nella mancanza di posteggi in quel di Faido. Ora, questo ragionamento non mi pare giustificato: come già detto sopra, i musei di questo genere – ma anche altri – si trovano nei centri cittadini e non necessitano di posteggi, perché si raggiungono con il trasporto pubblico. Un ragionamento da farsi per qualsiasi sede anche in Ticino. Buon esempio è, a Zurigo, il “Museo nazionale” che si trova di fronte alla stazione centrale: nelle immediate vicinanze non c’è alcun posteggio.

La sede proposta da Faido si trova comodamente di fronte alla stazione Ffs, purtroppo – e però – servita solo ogni ora. Lugano, Locarno, Bellinzona si trovano oggi collegate molto bene con il treno in pochi minuti, e quindi è assurdo proporre la visita con auto o con pullman privati quando il treno collega queste città in pochi minuti (14 minuti da Lugano a Bellinzona, 28 minuti da Locarno a Lugano). Faido è collegata direttamente da Locarno e da Bellinzona ed è raggiungibile in treno in poco più di un’ora da Lugano. Pensando al fatto che molte scolaresche visitano un museo di questo genere, il tempo di comodo viaggio in treno potrebbe essere utilizzato per preparare la visita e per la discussione al rientro. Non voglio qui esprimere una preferenza, non è questo lo scopo del mio intervento; ma il ragionamento del Consiglio di Stato sulla questione posteggi è antiquato e antiecologico, motivo per cui invito a maggiore attenzione nella scelta dal momento che con la proposta venuta da Faido (offerta gratuita degli spazi) viene a cadere il vantaggio della proprietà cantonale in quel di Locarno.

Previous articleTurismo ticinese, nel mare di incognite si punta al «Poco ma sicuro»
Next articleErdbeben in Bern der Stärke 3.2 registriert