Home CONFINE Verbano sponda magra, il “camping” è un… paese: maximulta in arrivo

Verbano sponda magra, il “camping” è un… paese: maximulta in arrivo

97
0

Di massima, la distinzione resta semplice: è “camping” un’area attrezzata e su cui siano disponibili strutture ricettive fisse (ad esempio, i “bungalow”) in misura non superiore ad un quinto del massimo dell’offerta potenziale; per numeri, a fronte di otto stalli per tende e “roulotte” e “camper”, un massimo di due unità fisse; tutto il resto ricade sotto le specie del villaggio turistico, e come tale è da considerarsi. Su tale constatazione l’intervento di effettivi della Guardia italiana di finanza che da Cannobio (Verbano-Cusio-Ossola), durante un’ordinaria attività di polizia economico-finanziaria in àmbito demaniale, hanno sottoposto a controllo una struttura turistico-ricettiva situata lungo le sponde del Verbano, ma nel territorio della dirimpettaia Provincia di Varese: circa 100 singoli insediamenti erano installati al suolo nonostante risultassero formalmente indicate come “case mobili”, di fatto costituendo un vero e proprio paese. A a maggior comprova, presenti allacciamenti per elettricità, acque chiare ed acque scure. Per i soli canoni concessori evasi, stimato un controvalore di oltre 50’000 euro che saranno oggetto di contestazione ai proprietari del complesso.

Previous articleVerso le Comunali / Unità nella diversità, a Maggia un’Udc-Svp da battaglia
Next articleMagliaso, con il filosofo Nicola Donti alla (ri)scoperta dell’ironia