Home ECONOMIA Risale il prezzo del greggio, nelle Borse fiammata e poi la ricaduta

Risale il prezzo del greggio, nelle Borse fiammata e poi la ricaduta

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 17.59) Parziale ed abortito tentativo di recupero, oggi, nelle principali Borse europee, soggette tuttavia ad umori e tensioni sino a svariare in misura abbondante dai progressi alle perdite. A Zurigo, dopo essere stati primattore e deuteragonista nello sprofondamento, i titoli “Credit Suisse group Ag” ed “Ubs group Ag” hanno provato a guidare la riscossa, spuntando temporanei progressi sino alle sei-sette figure ma rifluendo sul finale a guadagni nell’ordine di un quarto delle perdite cumulate nella seduta precedente (più 2.64 e più 2.44 per cento rispettivamente), in uno “Swiss market index” infine attestatosi a 9’195.93 punti ossia in limatura pari allo 0.01 per cento. Listino frammentato, sulla coda “Swisscom Ag”, meno 1.89); ai dati reali, una resistenza tenue e meccanica, essendo il prezzo del petrolio – primaria causa del crollo accusato nella seduta precedente – rimbalzato oggi in misura nettamente superiore. Dalle altre piazze in Europa: Dax-30 a Francoforte, meno 1.41; Ftse-Mib a Milano, meno 3.28 (dopo picco su guadagni intorno al tre per cento); Ftse-100 a Londra, meno 0.09. Refoli positivi, e tutti con tendenza al rafforzamento sino ad incrementi solidi, a New York: Nasdaq, più 1.44 per cento; “Dow Jones”, più 0.89; S&P-500, più 1.07. In consolidamento a 105.9 centesimi di franco il cambio per un euro.