Home ECONOMIA Saliscendi e saldo positivo, “Swiss market index” sostenuto dai bancari

Saliscendi e saldo positivo, “Swiss market index” sostenuto dai bancari

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 19.44) Faticoso recupero della cifra verde (al saldo, più 0.07 per cento a 10’326.78 punti) per lo “Swiss market index” della Borsa di Zurigo, in conferma di una certa qual instabilità nell’atteggiamento degli operatori all’apparenza più portati a manovre dilatorie sui pezzi forti e, se possibile, a spuntare margini di brevissimo termine grazie a qualche collaterale. Posizioni d’avanguardia per il comparto finanziario (“Ubs group Ag”, più 1.62 per cento; “Credit Suisse group Ag”, più 1.81 e ruolo da capolista); fra i pesi massimi difensivi, resistente il solo “Roche holding Ag” (più 0.03); “Sgs Sa” (meno 2.05) sul fondo ed unico titolo realmente in sofferenza. Interessante lo spunto di “Adecco Sa”, cui è sufficiente un progresso pari allo 0.94 per cento per ritrovare il controvalore a 60 franchi per azione.

Sul mercato allargato, in recupero (più 2.36 per cento) il sottovalutato “Temenos Ag”, mentre desta allarme il crollo verticale (meno 47.50 per cento) del titolo “Obseva Sa”: oltre a risultati economici non felicissimi per il terzo trimestre 2019, dall’azienda biofarmaceutica svizzero-statunitense, operante in Ginevra ed in Boston e specializzata nel trattamento di problemi sanitari femminili, è giunto lo “stop” allo sviluppo delle ricerche sul “Nolasiban” stante l’assenza di risultati decisivi in una specifica direzione, sicché per tale prodotto si tratterà ora di trovare un nuovo posizionamento sul mercato mentre massimo vigore sarà impresso – queste le intenzioni dichiarate – allo sviluppo di altre linee farmacologiche già allo stato di sperimentazione. Orientato all’ascesa il passo sulle altre piazze primarie in Europa: Dax-30 a Francoforte, più 0.83 per cento; Ftse-Mib a Milano, più 0.56; Ftse-100 a Londra, più 0.13; Cac-40 a Parigi, più 0.41; Ibex-35 a Madrid, più 0.52. Sulla spinta di discreti orizzonti nella guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina, in ascesa gli indici di riferimento a New York, con progressi fra lo 0.43 e lo 0.85 per cento. Sempre fermo sui 110 centesimi di franco il cambio per un euro.