Home CONFINE “Poli” di Losanna, dal Varesotto un arrivo ed una superconferma

“Poli” di Losanna, dal Varesotto un arrivo ed una superconferma

Per lei, una promozione; per lui, un rientro in Europa e con immediata collocazione ai vertici. Una 32enne luinese ed un 34enne varesino, al secolo Maria Colombo ed Alessandro Chiesa, agli onori dell’“École polytechnique fédérale-Epfl” di Losanna, sull’esito delle nomine proposte da Martin Vetterli, presidente dell’ateneo, decise l’altr’ieri in sede di “Consiglio dei politecnici federali” e rese note nelle scorse ore; per quanto riguarda Losanna, solo sette le nomine e solo due i passaggi a ruolo superiore.

Maria Colombo, rivelatasi appena 16enne quando prese parte – e fu la prima di tre apparizioni consecutive: un bronzo, un oro ed un argento nel “palmarès” – alle “Olimpiadi matematiche internazionali” in rappresentanza dell’Italia e già vincitrice di numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali (“Premio Gioacchino Iapichino” nel 2016, “Premio Carlo Miranda” nel 2017, “Premio Giuseppe Bartolozzi” nel 2019 e “Peter Lax award” per il 2022 come da annuncio dato nel maggio scorso), in nomina dal settembre 2017 all’Epfl dopo un post-dottorato al “Poli” di Zurigo e sino ad ora nel ruolo di professoressa assitente “tenure track”, è stata nominata alla posizione di professoressa ordinaria di matematica alla facoltà di Scienze di base: “Acquisiamo una ricercatrice lungimirante e di fama mondiale, corteggiata in altri istituti universitari ed uno dei pilastri del nostro Istituto di matematica e della nostra facoltà”, così nella nota di felicitazioni in cui trova spazio anche una sintesi circa la tipologia del lavoro svolto (“Ricerche focalizzate sull’analisi” combinata con “calcolo delle probabilità, matematica computazionale, statistica ed apprendimento automatico”) e circa le qualità delle neotitolare della cattedra (“Ruolo centrale in riferimento alla ricerca, “leadership” esemplare, grande attività anche all’interno dell’Epfl ed in vari àmbiti”).

Da lontano, ossia l’Università della California a Berkeley dove era professore assistente, giunge invece Alessandro Chiesa, nominato professore straordinario di informatica e di sistemi di comunicazione alla facolta di Informatica-comunicazione. Cofondatore (con Christina Garman, Eli Ben-Sasson, Eran Tromer, Ian Miers, Madars Virza e Matthew Green) della “Electric coin company” sotto la cui egida venne lanciata nel 2016 la criptovaluta “Zcash” che fa riferimento alla figura di Bryce “Zooko” Wilcox, e parimenti cofondatore della “StarkWare industries”, il 34enne varesino è descritto come “uno tra i più importanti ricercatori attivi nel campo del trasferimento di tecnologie”, specialista come egli è in materia di crittografia, sicurezza e teoria della complessità computazionale. Tra le funzioni deputate figurano anche l’operatività per conto del “Center for digital trust” (“Centro per la fiducia digitale”) e la gestione dei rapporti con il mondo dell’industria al fine di “facilitare il trasferimento di tecnologie di strumenti per la protezione avanzata dei dati”. Alessandro Chiesa, la qualità del cui lavoro è stata riconosciuta con varie borse di studio, è autore o coautore di numerosi studi pubblicati negli Stati Uniti ed in altre nazioni. Nella foto, Maria Colombo ed Alessandro Chiesa.

Articolo precedenteReazione collettiva, “Swiss market index” ritrova smalto (e quota 12’000)
Articolo successivoAddio a Gaby Minoggio, trasformò la ValleMaggia in Val Magìa