Home POLITICA Paradiso, all’insediamento-“bis” il Municipio eletto senza urne

Paradiso, all’insediamento-“bis” il Municipio eletto senza urne

Si erano salutati prima di domenica, si sono ritrovati ora. Compagine riformulata, sull’effetto delle elezioni in forma tacita per la legislatura 2021-2024, nel Municipio di Paradiso, dove nelle scorse ore, ed alla presenza di Carlo Canonica nel ruolo di giudice di pace, ha avuto luogo la cerimonia di insediamento del sindaco e dei municipali con la firma della dichiarazione di fedeltà alla Costituzione ed alle leggi. L’unica novità è data dal ritorno dei socialisti nell’Esecutivo, stante l’avvenuta rinuncia di un municipale Plr; è il caso ricordare che, nella ripetizione delle Comunali in tornata precedente a causa di errori di procedura legittimamente contestati – a muoversi erano stati esponenti dell’area Lega-Udc-Indipendenti – e riconosciuti in sede di Tribunale amministrativo cantonale, proprio i socialisti erano rimasti estromessi a favore dei liberali-radicali, passati da quattro a cinque esponenti; ora, e di fatto, il ritorno allo “status quo”. Nell’immagine, da sinistra verso destra: Fulvia Guglielmini (Partito popolare-democratico), Marco Foglia (Partito socialista), Renata Foglia (Partito liberale-radicale), Ettore Vismara (Partito liberale-radicale, sindaco), Cinzia Longoni (Partito liberale-radicale), Luciano Di Simone (Partito liberale-radicale), Antonio Caggiano (Lega-Udc-Indipendenti).