Home ECONOMIA Non bastano i farmaceutici, “Swiss market index” sotto quota 9’600

Non bastano i farmaceutici, “Swiss market index” sotto quota 9’600

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 17.39) Delineata sin dall’avvio nella contrapposizione tra farmaceutici in posizione di vertice (“Roche holding Ag”, più 0.80 per cento; “Novartis Ag”, più 0.62) e lusso più bancari in retrovia (“Compagnie financière Richemont Sa”, “The Swatch group Ag”, “Credit Suisse group Ag” ed “Ubs group Ag” tutti in flessione fra l’1.20 ed il 2.39 per cento) la chiave di lettura della seduta alla Borsa di Zurigo, il cui “Swiss market index” è andato al saldo con calo nella misura dello 0.53 per cento ovvero rifluendo sotto la soglia dei 9’600 punti (9’594.31 punti alla rilevazione finale). “LafargeHolcim limited” (meno 3.05 per cento) sulla coda. Fuori dal listino principale, balzo (sino a guadagno intorno al 14 per cento) e riflusso (chiusura in perdita pari all’1.50 per cento) del titolo “Santhera pharmaceuticals group Ag” sulla concessione della licenza per il medicinale “Raxone” all’italiana “Chiesi farmaceutici”, 55 milioni di franchi l’introito in firma di contratto e sino a 50 milioni di franchi in seconda battuta; per molti, un’occasione di scarico delle posizioni con presa di beneficio sul breve termine. Turbolenza (meno 7.38 per cento) sul valore “Ypsomed Ag”, il cui 2018 è stato annunciato in termini contraddittori (fatturato in calo, utile in incremento ma per fattori non ricorrenti; negli ultimi giorni il titolo – ad ogni modo assai raccomandabile per un portafoglio di medio periodo e con “target” a 160-163 franchi per azione – era stato oggetto di attenzione, con risalita sino ad oltre 138 franchi). Dalle altre piazze primarie in Europa: Dax-30 a Francoforte, meno 1.78; Ftse-Mib a Milano, meno 2.12; Ftse-100 a Londra, meno 1.41. Flessione fra l’1.32 e l’1.49 per cento sugli indici di ordinario riferimento a New York. Euro ancora in arretramento sin sotto i 112.2 centesimi di franco.