Home CRONACA L’editoriale / Primo agosto, squarci dal passato in un angolo di puro...

L’editoriale / Primo agosto, squarci dal passato in un angolo di puro Ticino

0

Celebrazioni in ogni angolo del Ticino (ad Airolo, addirittura due: ieri con discorso ufficiale di Norman Gobbi, membro del Governo cantonale ticinese, oggi con liturgia al Passo del San Gottardo) per la ricorrenza del Primo agosto, Natale della Patria. In espressioni delle varie lingue nazionali le allocuzioni formulate da consiglieri federali, consiglieri di Stato, granconsiglieri, sindaci, municipali ed altre figure rappresentanti le istituzioni; da molti un richiamo all’unità ed ai valori riconosciuti. Da parte nostra, per l’augurio di un “Sereno Primo agosto”, abbiamo scelto di affidarci alla penna ed al lirismo di Peter “zio Tom” Tomamichel che in breve racconta quel che era il Primo agosto dei tempi andati in un angolo remoto – ma colonizzato nei tempi in cui sorgeva la Svizzera primigenia – delle nostre valli. La lingua, il Guryner Titsch o Ggurijnartitsch; la traduzione, in un dialetto che ci appartiene; l’argomento, un’attesa del Primo agosto che, sino a due o tre generazioni or sono, quasi replicava quella del Natale cristiano.

**** **** **** ****

Jung Gurìner am ersta Oeggschta

Am erschta Oeggschta, siw wiar dia Jungu: / Tsch’Åbandsch /

Ålli záman: / en d’Aabi ggånga,

hew dar Lånz empfengt, / und alli zaman gsunga, /

bes dar Lånz fárnrunn’na / escht gsijgn! /

Åbar dar nòo, siw dè wiar em Edalwijss / vå dar Koch wittarsch… /

gu fijru bés dè / amåndarschr Morgan / escht gsijgn! /

Ech wenscha n’ech / an hebbscha Erschta Oeggschta….

**** **** **** ****

Gioventù Walser al Prim d’Agost

Al Prim d’Agost nùmm giovìn / tücc insem: /

navom in d’Aabi* / e pizzavom al Falò, /

cantavom fìn che al fœc ù sa indromentava via! /

Dopo però, navom all’Edelweiss** dal Koch*** /

a fa festa fin che la nòcc /

la ga passava la mán al dì! /

Bon Prim d’Agost!

Legenda: *“Aabi”, il pascolo di fronte al paese; **“Edelweiss”, ristorante storico di Bosco-Gurin; ***René Koch, gerente e proprietario con la moglie Esther del ristorante “Edelweiss”.

Previous articleColpo di stiletto / Calende di agosto, per Carlo Calenda c’è forse posto
Next articleSan Vittore, edificio a fuoco nella notte: gravi danni alla struttura