Home SVIZZERA In giallo in rosso in bianco, perlomeno sarà una vignetta “allegra”

In giallo in rosso in bianco, perlomeno sarà una vignetta “allegra”

68
0

Dopo l’anno funereo con la scelta di un viola da paramenti esequiali, almeno un po’ di allegria nella vignetta autostradale 2023: di base il colore giallo tipo canarino Titti, cifra in rosso sul lato adesivo ed in bianco al verso, solito prezzo a 40 franchi, disponibilità da giovedì 1.o dicembre nelle solite sedi compresi gli uffici doganali. Validità ovviamente immediata e sino a tutto gennaio 2024, dal che niente remore – anche perché si rischia una multazza causa visibilità parzialmente ostacolata – nella rimozione dei contrassegni scaduti. Invariate e note le norme, di cui basti il riepilogo: a) incollare direttamente la vignetta, vietato l’impiego di altri materiali; b) nelle auto, fissare la vignetta sul lato interno del parabrezza; c) per quanto riguarda rimorchi e moto, fissare la vignetta su porzione della carrozzeria che sia visibile, accessibile e non intercambiabile; d) vale il solito divieto di rimozione funzionale al riutilizzo su altro mezzo (ma anche sullo stesso, occhio). Per quanto riguarda l’atteso e discusso contrassegno elettronico, introduzione prevista nel corso del 2023 ma quando non si sa: “Di sicuro dopo il 31 gennaio, decideremo presumibilmente nel corso del primo trimestre 2023”, indicano i portavoce di Palazzo federale, prospettiva l’integrazione delle “esperienze acquisite” direttamente “nella vendita del contrassegno 2024”.

Previous articleEntführte Kinder (fünf und sieben Jahre alt) aufgefunden
Next articleLugano, rogo in una cella alla “Farera”: intossicati detenuto e secondino