Home SPORT Hockey Prima lega / Gruppo est, sorpassi a catena: stavolta soffrono i...

Hockey Prima lega / Gruppo est, sorpassi a catena: stavolta soffrono i GdT1

368
0

Cinque, forse sei le identità di spicco nel gruppo est dell’hockey di Prima lega. Questo hanno indicato le prime 14 giornate del torneo, questo dice anche l’ultimo turno disputato: tra Lucerna ora capolista e GdT1 Bellinzona scivolati al quinto posto dopo la sconfitta (4-7) patita a Wetzikon, nella sostanza, a fare la differenza saranno sempre i particolari, brevi iati nel contesto di 60 e magari più minuti dall’agonismo che via via si esaspera, e le strategie dei momenti “che contano”. Proprio ai GdT1 Bellinzona, sul ghiaccio di Wetzikon, è accaduto sabato di sperimentare: sotto di due lunghezze (2-4) a tre minuti dall’ultima sirena, i sopracenerini si sono affidati all’arma del “rover” e con il sesto uomo di movimento sono sùbito andati a bersaglio (57.28, Elias Bianchi, nella circostanza giunto alla doppia cifra stagionale); scelta a metà tra il coraggioso e l’azzardato quella di rimanere a gabbia sguarnita, immediata punizione dal bastone di Brent Buchmüller (57.36, 3-5) e, nonostante un’inferiorità numerica nel frattempo decretata a danno dei sopracenerini, altro goal al passivo nello spazio di 16 secondi, qui per la firma di Gian-Andrea Thöny; ad organici di nuovo completi, sussulto di Patrick Incir per il 4-6 (59.06), di nuovo fuori il portiere e di nuovo goal incassato a gabbia sguarnita (Noel Siren, 59.44).

Esperimento non propriamente riuscito, insomma, ma senza che da ciò sia derivato un danno incommensurabile. E sì che il confronto pareva mettersi al bello: GdT1 avanti con Axel Leone dopo soli 59 secondi, pareggio dei padroni di casa al 14.18 (Siro Rutzer), tutto lì in buon equilibrio. Poi: strappo del Wetzikon grazie a Mario Pieroni ed a Timon Vesely (27.10 e 30.36), lunghissima fase a superiorità ed inferiorità numeriche incrociate, il riavvicinamento nel nome di Peter Biasca (47.56) ed il nuovo alliungo, autore Michael Pfranger (53.18). Del finale – tumultuoso, confuso, a metà tra ispirazione e tentazione – si è detto, e sarebbe stato bello il poter raccontare d’un esito diverso, ma amen.

I risultati – Pikes Oberturgovia-RedLions Reinach 2-3 (ai rigori); Wetzikon-GdT1 Bellinzona 7-4; PrettigoviaHerrschaft-Wil 5-0; Lucerna-ArgoviaStars 5-4 (al supplementare); Herisau-UnterseenInterlaken 3-2; Burgdorf-Rheintal 4-3.

La classifica – Lucerna 32 punti; Wetzikon 31; Wil 30; PrettigoviaHerrschaft 29; GdT1 Bellinzona 27; Rheintal 24; ArgoviaStars 22; Herisau 21; Burgdorf, RedLions Reinach 14; Pikes Oberturgovia 7; UnterseenInterlaken 1.

Previous article“Swiss market index”, dalla resistenza al nervosismo. New York a passo incerto
Next articleHockey Nl / Lugano, tre punti d’oro a Zugo. AmbrìPiotta, altro tuffo