Home SPETTACOLI È morto Sean Connery. Rimarrà un “Highlander” per sempre

È morto Sean Connery. Rimarrà un “Highlander” per sempre

All’età di 90 anni, due mesi e sei giorni è morto oggi Sean Connery, attore scozzese con origini irlandesi per parte di padre. Il decesso, presumibilmente da attribuirsi a cause naturali, alle Bahamas, dove l’artista originario di Fountainbridge (un “City council” di Edimburgo) si era ritirato da tempo. Due premi Bafta, tre “Golden globe” ed un “Oscar” in bacheca, insieme con mille altri riconoscimenti; fu un James Bond in sette pellicole, la prima delle quali (“Agente 007-Licenza di uccidere”) con l’elvetica Ursula Andress nel ruolo di “Bond girl”; divenne figura-“cult” dal drammatico al “fantasy”, in “Marnie” così come in un “Indiana Jones”, e per molti rimarrà l’icona dell’immortalità – per quanto nel film egli perda la vita – per l’interpretazione di Juan Sánchez Villa-Lobos Ramírez spadaccino ed insegnante di Christopher Lambert, sullo schermo nei panni di Connor MacLeod, in “Highlander”. Nella vita privata, due mogli (l’australiana Diane Cilento, attrice venuta a mancare nel 2011, e la franco-marocchina Micheline Roquebrune, pittrice tuttora vivente), oltre a varie relazioni documentate o semplicemente a lui attribuite. Nazionalista scozzese, sostenitore del diritto della Scozia all’indipendenza, Sean Connery ha avuto un solo figlio nella persona di Jason Joseph Connery, nato nel 1963, poi attore e regista, ed un solo nipote nella persona di Dashiell Quinn Connery, nato nel 1997.