Home CRONACA Covid-19, mezzo Ticino è vaccinato. Ma i contagi si moltiplicano

Covid-19, mezzo Ticino è vaccinato. Ma i contagi si moltiplicano

(ULTIMO AGGIORNAMENTO E RIEPILOGO, ORE 10.56) Saremo anche (meglio: siamo) al 47.2 per cento di vaccinati “completi” tra gli aventi diritto, fotografia a ieri secondo indicazione fornita stamane, e dunque possiamo far conto su ben 165’986 persone giunte a fine trattamento anti-“Coronavirus” con doppia dose somministrata; avremo anche (meglio: abbiamo) 35’773 persone a metà del guado e cioè in attesa della sola seconda dose; in più, pare sia da considerarsi interessante – aspettiamo tuttavia le cifre reali – il livello di adesione da parte dei giovani in fascia 12-15 anni, cioè coloro cui da mercoledì 4 agosto sarà offerta la possibilità di accesso al servizio (a Bellinzona quartiere Giubiasco; in séguito, anche all’interno di una decina di studi pediatrici). Tutto vero, e dunque bisogna incominciare a preoccuparsi: sempre che sul dato non influiscano frammenti statistici di “recupero”, vale a dire casi di giorni precedenti ma non conteggiati sino ad ora, nel transito da ieri all’alba di oggi consta un’impennata pandemica nella misura di 43 positivi, quasi uno ogni mezz’ora e due volte e mezzo la media delle ultime due settimane. Il totale nel contesto della terza ondata sale a 5’412 unità, con 37 decessi; 33’601 i positivi dal febbraio 2020, con 995 decessi. In ascesa anche la presenza ospedaliera: in strutture nosocomiali sono otto i degenti, due dei quali in reparti di terapie intensive. Nessuna variazione giunge dal sistema delle residenze per anziani (zero vittime, zero nuovi contagi, zero ricoveri, zero contagi residui).

Articolo precedente“Swiss market index”, discreta conferma. E New York viene in scia
Articolo successivoTodesopfer nach Absturz eines Doppeldeckers in Subingen (Kanton Solothurn)