Home ECONOMIA Smi, freccia all’ingiù. New York male ma al recupero. Franco in debilitazione...

Smi, freccia all’ingiù. New York male ma al recupero. Franco in debilitazione assistita

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 23.35) Di breve durata, oggi, la resistenza dello “Swiss market index” sopra la linea: dopo vistoso arretramento sino a 10’545 punti, ovvero in misura attorno all’1.30 per cento, il rilevatore dello stato di salute del listino primario ha provato ad invertire tendenza e cifre limando le perdite al di sotto della figura intera, salvo tornare a calare ed attestarsi su quota 10’572 punti (meno 1.17 per cento) a circa un’ora dalla fine delle contrattazioni e, in ultimo, recuperare in parte sino a 10’609.03 punti (meno 0.83 per cento). In vetta il titolo “Credit Suisse group Ag” (più 1.45); attestazioni di stima per “Swiss Re group Ag”, più 1.17); in retroguardia “Abb limited” (meno 2.20) e “Sika group Ag” (meno 2.69). Sull’allargato, escursioni sommariamente positive per “Dufry Ag” (più 2.52) e “Novavest real estate Ag” (più 2.70); vari i titoli in tuffo. Dalle altre sedi di contrattazione: Dax-30 a Francoforte, meno 0.61; Ftse-Mib a Milano, meno 0.30; Ftse-100 a Londra, più 0.21; Cac-40 a Parigi, più 0.21; Ibex-35 a Madrid, più 1.72. Schizofrenico l’andamento a New York: dopo aver accusato una perdita superiore al due per cento, il Nasdaq va al saldo con cedimento nell’ordine della mezza figura, “Dow Jones” e S&P-500 in marginale progresso. Prosegue l’allentamento strategico della pressione sul franco svizzero, ora scambiato a 109.9 centesimi di franco.