Home CRONACA Altre 10 vittime da Covid-19 in Ticino. Case anziani, dramma senza fine

Altre 10 vittime da Covid-19 in Ticino. Case anziani, dramma senza fine

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 11.54) Il ritorno della doppia cifra alla casella dei decessi, per l’appunto 10 da ieri all’alba di oggi, quale pessimo viatico sul cammino di dicembre nella resistenza quotidiana al Covid-19 in Ticino; 552 in tutto i decessi dall’inizio della pandemia, 201 nella sola seconda ondata, in compresenza di 27 altri ricoveri e di 29 dimissioni. All’interno di strutture nosocomiali si trovano al momento 346 degenti, 42 dei quali in reparti di terapia intensiva; 166 i nuovi positivi, in totale 15’961 di cui 12’430 (contro 3’531) dalla tarda estate ad ora. Ferma a mercoledì 25 novembre l’ultima rilevazione attendibile circa il tasso di positivi (19 per cento) sui tamponi effettuati (1’010 nelle 24 ore di riferimento); a giovedì 26 novembre erano ancora 1’589 le persone in isolamento e 3’091 quelle in quarantena. Sempre drammatica la situazione con riferimento alle residenze per anziani: altre sei le vittime per Covid-19 (attestazione dal sito InterNet dell’“Associazione direttori delle case per anziani della Svizzera italiana-Adicasi”), sicché la cifra complessiva sale a 236 persone sulle menzionate 552 (42.75 per cento, appena al di sotto di quel 44 per cento che era stato constatato sul picco della prima ondata); 27 su 68 le strutture in cui il “Coronavirus” è presente; un ricovero in più; per effetto di altri otto casi riscontrati, 245 sono al momento i residenti in condizione di contagio.