Home CRONACA 182 chilometri orari su 80, motociclista transita in categoria “Appiedati”

182 chilometri orari su 80, motociclista transita in categoria “Appiedati”

84
0

Licenza di condurre, nel tritarifiuti; unico viaggio garantito, quello davanti ad un magistrato cui toccherà il valutare una conferma dell’addebito per grave infrazione alla Legge federale sulla circolazione stradale, il che a queste latitudini si traduce in una patente (ops, pardon, si parla di corda in casa dell’impiccato) da “pirata della strada”. In guai grossi il motociclista che sabato ultimo scorso, intorno alle ore 18.00, incappò nel “radar” lungo via Lucomagno a Biasca: velocità consentita, 80 chilometri orari; velocità effettiva, 182 chilometri orari; scarto effettifvo, 102 chilometri orari. L’uomo è un 39enne svizzero con domicilio in Riviera; per lui, denuncia al ministero pubblico e fine della corsa.

Previous articleStrada del Maloja, più sicurezza grazie alle valanghe “programmate”
Next articleA margine / Mostra finita. Ah, no, la prolungano. Ma ce lo dicono “dopo”