Home CONFINE Varese: tre coltellate alla schiena della docente, arrestato un 17enne

Varese: tre coltellate alla schiena della docente, arrestato un 17enne

134
0

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 19.04) È stata colta e sorpresa alle spalle, sul momento dell’ingresso nell’edificio, e poi una due tre coltellate nella schiena, in rapida successione. Sara Campigli, una docente 57enne alla sede varesina dell’Enaip, istituto di formazione in àmbito professionale, è ricoverata al “Circolo” di Varese e sotto trattamento sanitario d’urgenza sulle conseguenze dell’aggressione perpetrata stamane ai suoi danni da uno studente 17enne, nazionalità e residenza non note, presente e provvisoria dimora in Varese sotto stretta sorveglianza di agenti della Polizia di Stato che sono rapidamente intervenuti ad arrestare l’autore dell’aggressione (secondo una nota diffusa in tarda mattinata dai vertici della scuola, il giovane è da tempo sotto “diagnosi funzionale” e sarebbe stato “sempre seguito con competenza e professionalità”). Soccorsi usciti sotto regime di codice rosso e giunti alla sede nosocomiale in codice giallo; standosi ad una prima impressione, la donna è fuori pericolo.

Intorno alle ore 8.08 il fatto di sangue, avvenuto tra l’altro in presenza di numerosi altri allievi nella storica sede di via Giulio Uberti 44 a Varese, a metà strada tra la dorsale di viale Europa e via Carlo Goldoni che nel primo tratto corre parallela alla “bretella” di accesso all’autostrada A8. Nessun segno premonitore, così pare di poter capire, per un’azione che il 17enne ha condotto in modo determinato e feroce, portandosi l’arma da casa ed avendo scelto un coltello a serramanico dall’efficacia potenzialmente letale. In corso di accertamento le modalità dell’azione; da stabilirsi anche se l’autore abbia agito di concerto con altri soggetti interni o esterni alla scuola, in ispecie per quanto riguarda la disponibilità dell’arma. Sulla scorta delle prime evidenze, tuttavia, l’ipotesi di reato è formulata nei termini del tentato omicidio ed il ragazzo è stato trasferito all’istituto penale “Cesare Beccaria” in Milano. In immagine, l’atrio della sede Enaip di via Giulio Uberti a Varese.