Home CRONACA Punta un “laser” sul “SuperPuma”: identificato e denunciato

Punta un “laser” sul “SuperPuma”: identificato e denunciato

Netta è la frontiera tra utilizzo lecito ed utilizzo illecito di un puntatore “laser” (talmente netta, si sottolinea, da non richiedere commenti o spiegazioni o delucidazioni, sempre che si creda di essere circondati da bipedi senzienti e raziocinanti); ma càpita anche di imbattersi, per dire, in un soggetto anagraficamente adulto e che in piena notte e per gusto suo – si osa credere e sperare nella bravata, nel colpo di testa da stupidotto del paese, nella scempiaggine di un momento – si industria e si mette a sparare un fascio di luce dal basso verso l’alto, andando a cercare ed a mirare un elicottero in volo e, tanto di più, in attività di pattugliamento per conto dell’Amministrazione federale delle dogane. Di che mettere a repentaglio la pelle del pilota, solo che si stia ai minimi sindacali degli addebiti; spesa dunque una bella quota di abilità da parte dell’uomo ai comandi del velivolo, un “SuperPuma”, che da quel punto l’elicottero si toglie alla veloce ma non prima del rilevamento delle coordinate geografiche, e senza altri danni.

La storia di cui sopra non può rimanere senza sviluppo, e difatti: stamane, a distanza di una settimana esatta (più qualche ora) dall’accadimento, in informativa congiunta tra Polcantonale e Polcom Mendrisio ecco la notizia dell’avvenuta identificazione del tizio, 35 anni, cittadino italiano, residenza nel Mendrisiotto. Dopo interrogatorio e dopo altri accertamenti, il soggetto è stato denunciato al ministero pubblico per esposizione della vita altrui a pericolo, infrazione alla Legge federale sulle armi e perturbamento della circolazione pubblica. Il puntatore “laser”, nel frattempo, è stato sottoposto a sequestro.