Home SPIRITUALITA' Partenze ed arrivi, tanti cambiamenti nelle parrocchie ticinesi

Partenze ed arrivi, tanti cambiamenti nelle parrocchie ticinesi

Serie di avvicendamenti in vista, e con decorrenza da settembre, nelle comunità parrocchiali del Canton Ticino. Alla quasiparrocchia del Cristo Risorto in Lugano, don Plamen Gecev subentra a monsignor Claudio Mottini. Don Sebastian Krystkowiak, parroco di Castel San Pietro, passa nel ruolo di vicario parrocchiale di Pazzalino in sostituzione di don Arioste Denon, inviato a proseguire gli studi a Roma su indicazione del suo vescovo nel Benin. Don Fiorenzo Maritan, cappellano alla “Ca’ Rezzonico” ed all’“Ospedale italiano” in Lugano, diventa amministratore parrocchiale a Castel San Pietro; le due cappellanie lasciate saranno in affidamento a sacerdoti residenti in Lugano. Don Anoop Abraham sarà il nuovo amministratore delle parrocchie di Astano e di Sessa-Monteggio; al rientro nella Diocesi di appartenenza è don Lukasz Zurawka, vicario delle parrocchie di Bruzella, Cabbio, Caneggio, Morbio Superiore, Muggio, Sagno e Scudellate, la cui amministrazione sarà curata da don Gian Pietro Ministrini, vicario foraneo del Mendrisiotto; vicario delle parrocchie citate diventa don Mattia Scascighini, al momento amministratore parrocchiale di Bodio, Personico, Giornico e Pollegio dove sarà sostituito dal passionista padre Anthony Masciantonio. Si ritira in pensione don Domenico Galli, sino ad ora nell’esercizio della cura pastorale a Coldrerio; qui, quale amministratore parrocchiale, giungerà don Pawel Miara, proveniente da Stabio dove è vicario parrocchiale cioè nella funzione che sarà acquisita da don Jakub Fejkiel, ora studente di diritto canonico alla facoltà di Teologia in Lugano.

Non a settembre ma nel gennaio 2022, infine, il passaggio di don Angelo Epistolio dalla cappellania della “Clinica sociopsichiatrica” in Mendrisio all’amministrazione parrocchiale di Salorino, quale subentrante a don Maksym Podhajski prossimo al rientro nella Diocesi di appartenenza. Non ancora designato ufficialmente il prossimo cappellano alla precitata “Clinica sociopsichiatrica” in Mendrisio. In immagine, monsignor Claudio Mottini.

Articolo precedenteLonate Pozzolo (Varese), auto investe una donna e la uccide
Articolo successivo“Swiss market index” quasi immobile, New York si dà una scossa