Home REGIONI “Ma(n)ggiainvàll” fa il botto, tutto esaurito sui sentieri del buon sapore

“Ma(n)ggiainvàll” fa il botto, tutto esaurito sui sentieri del buon sapore

Ben premiata oggi anche dalle condizioni meteo (non piena primavera ma nubi rimaste a far da cappello fra il Salmone da una parte e la Bocchetta dall’altra) l’abnegazione degli organizzatori di “Ma(n)ggiainvàll”, escursione ecogastronomica su strade e percorsi secondari della ValleMaggia: iscrizioni da “boom” (raggiunto il numero-limite prefissato a 660 partecipanti), tracciato da sette chilometri effettivi, salitelle e discese, sicurezza garantita da nutrita presenza di uomini della Protezione civile e dei Pompieri Maggia, per tutti il “kit” di viaggio con posate, bicchiere, mappa ed opuscolo con descrizione delle zone da raggiungersi.

Alle brevi, quasi tre ore nel segno del divertimento e della buona compagnia – si consideri anche il quarto d’ora necessario per le degustazioni ad ogni tappa – ed in piena natura con sviluppo a partire da Aurigeno frazione Ronchini, ascesa sino alla chiesa titolata a santa Maria in Maggia (lato destro della Cantonale, dirimpetto al ponte per Aurigeno e Moghegno), cantine nel cuore di Maggia paese, rientro su Moghegno via ponte pedonale e sosta nel nucleo, direttrice interna verso Aurigeno con punto fermo alla Gesgiöla, indi quattro momenti distinti tra l’area di Moghegno, Terra di Fuori quale punto estremo a sud, transito all’“Infopoint” naturalistico e ritrovo finale al Centro scolastico dei Ronchini per la risottata. Per essere stata questa una prima edizione, proprio nulla di sperimentale e proprio tutto di riuscito. Nella foto GdT, la fase della degustazione a ridosso della Gesgiöla di Moghegno.

Articolo precedente“Radar” e controlli semifissi, occhio alle sorprese in… periferia
Articolo successivoUn futuro in Polscientifica? Ecco l’occasione per un primo contatto