Home CRONACA Italiano, quo vadis? / L’insostenibile pesantezza della superficialità

Italiano, quo vadis? / L’insostenibile pesantezza della superficialità

378
0

Recente esperimento di collaborazione editoriale sull’asse Zurigo-Muzzano in funzione di una “Piattaforma della sostenibilità” che viene gestita in ambienti della Nzz. Lodevole il progetto, et cetera et cetera; catastrofico l’approccio alla lingua italiana, bastando qui le avvisaglie date dal “colophon” (“Edizione speciale pubblicato”, “una edizione”, “et” in luogo della congiunzione “e”). Oggettivamente insostenibile…

Previous articleFavonio da… primato: così caldo in inverno non era mai stato
Next articleMacugnaga (Vco): sciatore cade, si trascina a valle e si mette in salvo