Home SPORT Hockey Wl / “Week-end” orrifico, ticinesi inchiodate a zero punti su 12

Hockey Wl / “Week-end” orrifico, ticinesi inchiodate a zero punti su 12

39
0

Precedenti del genere non ci sono, per forza di cose, essendo le AmbrìGirls fresche di ingresso nella massima serie hockeystica femminile; e ci si augura che simili casi non si ripetano, per quanto in una fase di collettiva costruzione-ricostruzione i rovesci non siano mai da escludersi. Orrendo il “week-end” delle ticinesi, orrendo: zero punti sui 12 disponibili, doppia sconfitta sabato (vedasi in altra parte del “Giornale del Ticino”) e doppia sconfitta ieri. Conseguenza: entrambe le squadre si ritrovano ora sotto la linea, fatto che per le Ladies Lugano suona strano, pur con tutto il considerato. A capo per le cronache.

In AmbrìGirls-Turgovia Indien Ladies, leventinesi ben combattive e per due volte avanti (1.54, Rebecca Roccella, 1-0; 27.45, Daria Tsymyrenko, 3-2; nel mezzo due reti ospiti dal bastone di Tamara Grascher, 2.09 e 6.55, ed il 2-2 firmato dalla 15enne Julia Näf appena giunta in quota biancoblù della dispersione delle ex-Reinach); al 33.54 cambio davanti alla gabbia di casa, Yara Keller per Elisa Biondi, indi 16 minuti senza scostamenti, poi 18 secondi tempestosi (49.58, 3-3 da Annic Danielle Büchi; 50.16, 3-4 da Simona Grascher); finale d’assalto, Leoni Balzer pronta a cogliere l’occasione ed a timbrare il 3-5. Nella foto, Elisa Biondi.

Ben poco da dirsi, invece, circa Ladies Lugano-BomoThun 0-7: partita di fatto cristallizzata al 29.47, sul settimo goal ospite (a segno Angela Mason), per inspiegabile demoralizzazione delle bianconere infilate per tre volte nel volgere di 40 secondi ed anzi per due nello spazio di otto secondi (29.07, Tanja Hänggi; 29.15, Estelle Duvin; poi il citato goal di Angela Mason); in precedenza, a tabellino Maija Otamo, Ophélie Ryser ed Estelle Duvin, rispettivamente al 2.37, al 15.04 ed al 18.37, ed ancora Tanja Hänggi in “power-play” al 23.51. A parziale scusante del gruppo allenato da Benjamin Rogger: a) assenza di giocatrici straniere (è eccettuata la pattuglia delle italiane “organiche” alla formazione o allo sviluppo in àmbito hockeystico elvetico); b) mancanza di esperienza; c) carenza di amalgama. Il progetto è del resto orientato ad una maturazione cammin facendosi; purché qualcosa di utile arrivi prima del “play-off”…

La classifica – BomoThun, Zsc Lionesses Zurigo 12 punti; Turgovia IndienLadies, Langenthal 7; Ladies Lugano 4; AccademiaNeuchâtel 2; AmbrìGirls 1 (Langenthal, AmbrìGirls una partita in più).

Previous articleFaggeto Lario (Como), scontro auto-moto: tre feriti, grave un 32enne
Next articleSabato di fuoco a “Jazz in Bess”: doppio concerto e nomi eccellenti