Home SPORT Hockey Nl / Zugo in finale. Rappi, grazie per l’averci provato

Hockey Nl / Zugo in finale. Rappi, grazie per l’averci provato

Al 53.11, sul goal di Nando Eggenberger per il 3-4, più d’uno ha creduto che il prodigio si sarebbe ripetuto: in fondo, se uno non crolla psicologicamente dopo essere precipitato sullo 0-3 prima ancora della fine del primo periodo, un riaggancio ed un successo sono tutt’altro che da escludersi. Ma non sempre si può dar retta al sentimento o all’incoscio desiderio di assistere a qualcosa di fragoroso; e, difatti, stasera l’impresa non ha avuto luogo; e, per conseguenza, avremo lo Zugo a disputare la serie finale del “play-off” nell’hockey di massima serie, mentre i RapperswilJona Lakers vanno in vacanza. Era gara-quattro in un ciclo al meglio delle cinque partite, lo Zugo si trovava sul 2-1 avendo tuttavia perso in casa il terzo confronto, e nelle cose stava anche l’ipotesi di un rinvio della decisione alla “bella”; cosa non avvenuta perché, dopo essere risalito sino al 2-3 (con Martin Ness al 28.52 e con Steve Moses al 31.07, per rispondere a Lino Martschini, Sven Senteler e Justin Abdelkader) e dopo aver marcato anche un 3-4 (il citato Nando Eggenberger in replica al ticinese Dario Simion, già a tabellino con un assist), i Lakers sono stati trafitti da Carl Klingberg (54.31) e, a gabbia lasciata sguarnita, da Sven Leuenberger (58.12); 3-6 sul tabellone, lacrime ed applausi tra i 50 tifosi autorizzati a seguire il confronto.

Onore in ogni caso al merito dei sangallesi, approdati al play-off per il rotto della cuffia (a danno dell’AmbrìPiotta, 10.o contro 11.o posto in stagione regolare) con il doppio colpo sul BielBienne e poi con l’impresa sul Lugano, ed in semifinale capaci di mettere alla frusta la squadra dominatrice assoluta della prima fase. Zugo e ServetteGinevra di fronte, la numero uno e la numero sei del “ranking”; pronostico piuttosto chiaro, ma sulla distanza di sole cinque partite…

Articolo precedenteTicino, pandemia in marcia sul posto. Oltre 4’000 casi nella terza ondata
Articolo successivo“Spazio officina” in Chiasso, martedì conferenza di Manlio Monti