Home CRONACA Domenica in viaggio… (e)statico. Con l’ultimo saluto alla bella stagione

Domenica in viaggio… (e)statico. Con l’ultimo saluto alla bella stagione

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 12.32) Non la nuvoletta del Fantozzi ragionier Ugo, ma una garantita ancorché variabile copertura tra piovasco, passaggio temporalesco, acquerugiola fine fine fine e di bel nuovo secchiate come in un fortunale nel mezzo del Golfo di Biscaglia, per accompagnare gli automobilisti in transito da nord verso sud e da sud verso nord sugli assi primari della viabilità del Ticino o da o per il Ticino, dovendosi a tutti gli effetti acquistare sempre la “extended version” almeno da Flüelen urana a Grandate lariana qualora si voglia tener d’occhio la situazione. Or che si giunse sul mesdì, tra i vetturali incolonnati molti dovranno contentarsi del panino prelevato al “Postillon” dalle parti di Buochs e del “thermos” di caffè portato da casa, ché d’un pasto con le gambe sotto al tavolo si parlerà semmai dopo il tramonto: tempo vuolci per superare gli imbottigliamenti, e con esso l’attitudine alla pazienza. Situazione, dunque: al portale nord della galleria del San Gottardo sulla A2, direzione Chiasso, blocco sullo sviluppo di chilometri tre a partire dallo svincolo per Silenen frazione Amsteg e sino allo svincolo per Göschenen-Casinotta, si calcolino 30 buoni minuti per passare da una parte all’altra; nella direzione opposta, ossia in carico al portale sud direzione Lucerna, netto margine di vantaggio con blocco sullo sviluppo di chilometri sei a partire dallo svincolo per Quinto e sino all’area di dosaggio in Airolo, dove tra l’altro è stata chiusa l’entrata nello stesso senso di marcia, e dunque trascorreranno minimo minimo 65 minuti prima che ci si possa immettere nel “tunnel”; esclusi i suggerimenti per soluzione su transito ordinario in strade cantonali, da una parte e dall’altra, per di più stanti precipitazioni, temperatura sui sei gradi Celsius e persino un po’ di vento ad accogliere chi voglia seguire la strada del Passo.

Sui 20 minuti per coda da due chilometri, in ultimo, il transito da Balerna verso l’Italia tramite valico a Chiasso-Brogeda; qui le alternative sono date dalla solita A394 sull’asse Mendrisio-Stabio, indi dogana del Gaggiolo, o da altri punti di valico minore. In immagine delle ore 11.34, gli inquilini temporanei della sezione più immortalata della A2 a Stalvedro.

Articolo precedenteStadt Schwyz: Mann am Grossen Mythen tödlich verunfallt
Articolo successivoHockey Msl / Niente squadre dal Ticino, ma il Ticino si fa… sentire