Home CRONACA Da “Cantiamo sottovoce” due assegni a fondazioni del territorio

Da “Cantiamo sottovoce” due assegni a fondazioni del territorio

Sono presenza di cultura, portando in giro – da mezzo secolo a questa parte – la tradizione delle note popolari. Sono presenza di talento, avendo sempre privilegiato la qualità rispetto alla quantità. E sono presenza di cuore, i membri del gruppo “Cantiamo sottovoce”: di quel che ricavano dalle iniziative assunte, essi riservano sempre una quota a progetti altrui e dei quali essere partecipi. Recente la consegna di due assegni, ciascuno del controvalore di 5’000 franchi, alla fondazione “Bambini cardiopatici nel mondo” ed alla fondazione “Ticino-cuore”, rispettivamente nelle mani di Max Spiess presidente e di Claudio Benvenuti direttore (quest’ultimo accompagnato da Tiziano Moccetti). La cerimonia, in presenza di una delegazione del gruppo (Ivan Vitalini presidente; Liliana Cereda, Fernando Cattaneo e Renato Sala), al “Cardiocentro” di Lugano; proventi acquisiti grazie a parte dei ricavi dalla vendita del “compact-disc” commemorativo “50 ann cul cör”. Annunciate nel frattempo le prime tappe del programma 2019: domenica 3 marzo a Cevio (“Casa anziani valmaggese”, ore 14.30); sabato 16 marzo a Gordola (chiesa parrocchiale, insieme con “Corale verzaschese” e “Piccolo coro” di Cugnasco-Gerra, ore 17.30); venerdì 5 aprile a Cureglia (chiesa parrocchilae, con i “Cantori di Pregassona”, ore 20.30).