Home CRONACA Covid-19, numeri all’insù: tre contagi tra bar e sport, quarantena per 150...

Covid-19, numeri all’insù: tre contagi tra bar e sport, quarantena per 150 e più

Nessun commento, please: a questo punto non servono, il “Coronavirus” colpisce e fa esattamente quel che ha fatto da quando esiste, e gli ambienti in cui vi sia contatto diretto sono sedi ideali per la sua propagazione. Sulla scia di tre casi di positività riscontrati negli ultimi giorni e pertinenti al Ticino, insieme con l’avvio dei trattamenti sanitari per ciascuno dei soggetti coinvolti, è infatti stata disposta ed intimata la quarantena preventiva di oltre 150 persone che domani verranno rese edotte circa la situazione con informativa diretta da parte dei responsabili del servizio di tracciamento dei contatti. Senza bisogno di troppe telefonate, in verità, ottimi e fondati sospetti sull’essere nei premi – a parte l’esplicitazione del problema così come appreso da un Sms – avranno coloro che nella notte di venerdì 2 ottobre si trovavano tra le luci e le penombre del “Seven” di Lugano; fondamentale la precisione nell’elenco degli avventori fornito dal gerente il locale, tempestiva l’azione di Giorgio Merlani, medico cantonale. Nel secondo caso, bersaglio del “Coronavirus” è stato un calciatore militante in squadra di serie interregionale – così nella generica trasmissione di notizie da fonte ufficiale: come appreso dal “Giornale del Ticino”, si tratta del Novazzano, che sabato 3 ottobre era in trasferta a Buchrain (Canton Lucerna) ospite del PerlenBuchrain); contagiato l’individuo, informati i dirigenti della società sportiva, da domani scatterà il ciclo delle verifiche e delle relazioni in interscambio per mano e per voce di quanti si stanno occupando del tracciamento dei contatti