Home CRONACA Costi ridotti per pausa forzata, il risparmio va in beneficenza

Costi ridotti per pausa forzata, il risparmio va in beneficenza

Avevano in corso la pubblicazione della “Guida svizzera delle corse in montagna”, poi giunse il “lockdown” per pandemia da Covid-19; sicché il progetto editoriale, anche per la forzata rinuncia ad alcune gare, si ridusse non nell’impegno ma nelle dimensioni. E dunque? E dunque: minor dimensione, cioè meno pagine, uguale minor costo; rispetto al preventivo, nei fatti, un risparmio; risparmio che, anziché rimanere nelle casse, è stato destinato ad una buona opera. 1’000 franchi tondi, frutto di tale economia di scala, sono stati consegnati nelle scorse ore a Locarno dal 73enne artista-scrittore Gianclaudio Lanini nelle mani di fra Martino Dotta, beneficiaria ultima l’associazione di prima accoglienza “Casa Martini”. La donazione, di fatto in nome collettivo con il “Runner’s club Ticino” di cui lo stesso Gianclaudio Lanini è animatore, si situa nell’alveo delle iniziative solidaristiche attuate da Gianclaudio Lanini: risorse economiche sono state destinate, durante gli ultimi tre anni, ai terremotati di Amatrice (Rieti, Italia), all’associazione “Anà-Un ponte con il Togo” in Cevio frazione Cavergno ed all’associazione “Amici di Aprosem” in Tenero-Contra. In immagine, il momento della consegna dell’assegno.