Home CONFINE Cermenate (Como), novello don Camillo mette in fuga due malviventi

Cermenate (Como), novello don Camillo mette in fuga due malviventi

Una cosa è il porgere l’altra guancia ed un’altra è il farsi prendere per fesso, rinunciando alla giustizia laddove si riscontri la flagranza di un reato a danno della comunità dei fedeli. Non ha dunque esitato a reagire, pur trovandosi in condizione di inferiorità numerica, il 61enne don Stefano Ghiringhelli titolare delle parrocchie di Cantù frazione Asnago (san Giuseppe) e di Cermenate frazione Asnago (santi apostoli Pietro e Paolo) nel momento in cui, l’altr’ieri sera, si è trovato a tu per tu con due malviventi penetrati nella canonica dell’edificio religioso in Cermenate e sorpresi nell’atto di rubare: entrambi i ladri sono stati messi in fuga, l’uno indenne ed il secondo dopo essere stato trattenuto per qualche istante dal sacerdote novello don Camillo guareschiano, che ha dovuto desistere solo dopo essere stato raggiunto al corpo ed al volto da una scarica di pugni del ladro stesso. Don Stefano Ghiringhelli, originario di Germignaga in provincia di Varese, approdato nella Brianza comasca ad ottobre 2020 dopo esperienze in abito talare a Genova, a Germignaga e per sei anni a Bedero Valcuvia ed a Masciago Primo, ha mantenuto “aplomb” e controllo ed ha chiamato le forze dell’ordine per informarle con precisione circa l’accaduto. Necessaria, purtroppo, anche l’assistenza medica con intervento di operatori della “Croce rossa” da Lomazzo; nulla di grave. Circa il furto, provento zero virgola zero.

Articolo precedenteBrissago Valtravaglia (Varese): frontale sulla “394”, tre feriti, cane in salvo
Articolo successivoTra colori ed entusiasmo il ritorno della “Passeggiata musicale”