Home SPIRITUALITA' Capriasca, un’Ascensione “partecipata” al convento del Bigorio

Capriasca, un’Ascensione “partecipata” al convento del Bigorio

64
0

Sentita, sentitissima – è nella tradizione “ab immemorabili”, era stata ripresa 15 anni or sono, e negli ultimi due di fila fu negata causa pandemia – l’odierna festa dell’Ascensione celebrata al santuario del Bigorio, in Comune di Capriasca, con la ripresa del pellegrinaggio sul sentiero che dalla frazione Tesserete porta al convento. Partecipazione massiccia anche alla liturgia eucaristica delle ore 10.30, con adesione soprattutto da pellegrini che hanno sostato via via davanti alle 14 cappelle del percorso. Commovente la sosta in riflessione davanti alla croce collocata contro il muro del convento (anno 1794 la posa, restauro completo eseguito nella prima metà del decennio scorso).

Previous articleTicino, si restringe la macchia covidiana. In calo anche i ricoverati
Next articleAddio a don Armando Pini, decano del clero ticinese: aveva 99 anni