Home SPORT Calcio Dna / Lugano, ritorno alla vittoria. E addio all’Europa

Calcio Dna / Lugano, ritorno alla vittoria. E addio all’Europa

Nella serata in cui torna al successo, tra l’altro inguaiando alquanto il Sion la cui permanenza nel calcio di massima serie potrebbe non dipendere più dai soli vallesani, il Lugano dice addio alle residue speranze di approdare all’Europa pedatoria, il che significa principalmente che alle casse mancherà un introito pressoché sicuro sino ad un mese fa; in contemporanea il 3-1 del Servette a Vaduz, compagine del Principato costretta a soffrire sino all’ultimo in uno spalla-a-spalla proprio con il Sion, ginevrini invece terzi per margine aritmetico (l’approdo alla piazza d’onore è da escludersi, sempre per questioni di numeri sicuri, probabili e possibili). Nel 3-1 stampato a Cornaredo per la mesta felicità di un centinaio di spettatori, vantaggio bianconero (19.o) con Reto Ziegler che si fa respingere un calcio di rigore ma ribadisce a rete da distanza ravvicinata. Da cineteca l’autogoal di Léo Lacroix al 44.o, lancio che taglia il campo in diagonale verso la corsia di destra, incursione di Alexander Gerndt e passaggio filtrante in area; quel che forse non riuscirebbe ad un compagno è invece opera facile per il difensore che, già battuto in velocità sullo scatto, infila una zampa in spaccata e regala il raddoppio. Prima della pausa il sussulto degli ospiti grazie ad un ticinese: di Matteo Tosetti, nei secondi di recupero, il piattone dell’1-2 da controbalzo su “cross” dalla sinistra.

Il Sion continuerà a bussare nella ripresa, degno di nota un siluro di Dennis Iapichino con presa di Noam Baumann (62.o); sarà Alexander Gerndt, a rifinitura di azione combinata con Mattia Bottani, a chiudere i conti (69.o), mancando il 4-1 all’81.o dopo aver stremato la retroguardia avversaria con l’ennesimo sfondamento di linea; ancora al 93.o, pur in situazione ormai compromessa, ci proverà ancora Matteo Tosetti, cui la gioia del secondo goal viene negata da una deviazione a mani aperte da parte di Noam Baumann. All’uscita dal campo, tutto ma proprio tutto diranno le facce, e non solo quelle degli ospiti.

I risultati – Basilea-Zurigo 4-0; Lugano-Sion 3-1; San Gallo-Losanna 5-0; Vaduz-Servette 1-3; Youngboys-Lucerna 5-2.

La classifica – Youngboys 81 punti; Basilea 53; Servette 50; Lugano, Lucerna, Losanna 46; San Gallo 41; Zurigo 40; Vaduz 36; Sion 35.

Articolo precedenteStadt Zürich: Mann von zwei Polizisten aus der Limmat gerettet
Articolo successivoCattolicesimo e politica, evento con l’“Osservatore democratico”