Home ECONOMIA Borse, Europa incerta ma Zurigo marcia. New York, la stasi come dottrina

Borse, Europa incerta ma Zurigo marcia. New York, la stasi come dottrina

107
0

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 21.19) Nuovo primato sull’arco delle 52 settimane, stamane ore 9.09, ed a distanza di meno di 17 punti dalla soglia psicologica dei 12’000 punti, per lo “Swiss market index” che si è confermato anche oggi in fase espansiva pur con incrementi contenuti; riscontro finale ad 11’946.66 punti, margine utile nell’ordine dello 0.40 per cento, “Swiss Re Ag” e “Zürich insurance group Ag” i trainanti con incrementi superiori al tre per cento; sulla coda “Holcim limited” (meno 1.18) ed “Abb limited” (meno 1.14). Nell’allargato, al di là del nuovo rimbalzo (più 11.11 per cento) del titolo “Hochdorf holding Ag” all’indomani di un tumultuoso confronto ai vertici societari (vedasi quanto pubblicato ieri dal “Giornale del Ticino”), di qualche interesse l’avanzarsi costante di “Bachem holding Ag” che si riporta oltre i 91 franchi per azione (più 3.33 per cento oggi) ovvero sui livelli di inizio giugno 2023 e dopo aver toccato un minimo a 53.95 franchi il pezzo nella terza decade del gennaio 2024. Dalle altre piazze: Dax-40 a Francoforte, meno 0.69 per cento; Ftse-Mib a Milano, più 0.12; Ftse-100 a Londra, meno 0.08; Cac-40 a Parigi, meno 0.63; Ibex-35 a Madrid, meno 0.56. In stasi i tre indici di riferimento a New York. Cambi: 98.40 centesimi di franco per un euro, 90.53 centesimi di franco per un dollaro Usa; bitcoin in conferma sui 59’153 franchi circa quale controvalore per unità.