Home REGIONI Bellinzona, la conferma: “Japan matsuri” da cifre a quattro zeri

Bellinzona, la conferma: “Japan matsuri” da cifre a quattro zeri

Eccellente era stata l’impressione, perché non si inventa il pubblico laddove non ci sia mentre si fatica a contarlo quando accorre, e lì si durava fatica. A distanza di una decina di giorni dalla conclusione dell’evento, ufficializzato il nuovo “record” di presenze – 10’000, anche la cifra tonda si stampa più facilmente – all’ottava edizione dell’evento “Japan matsuri”, vero e proprio “festival” del mondo nipponico accolto tra sabato 13 e domenica 14 aprile dagli ambienti dell’“Espocentro” di Bellinzona e che si è confermato principale manifestazione di questo genere, sia per qualità sia per interesse, sul territorio elvetico. Determinanti sia la promozione – molti i visitatori da fuori Cantone – sia la tipologia dell’offerta che ha garantito a bambini, ragazzi e adulti una “full immersion” nel mondo del Sol levante. Molti gli “stand” da “tutto esaurito”; sorprendente la… coda della manifestazione, essendosi reso necessario uno specifico ed effettivo prolungamento per consentire a tutti di accedere alla sessione di autografi (cinque ore in tutto…) di Takuya Wada, storico disegnatore – e poi direttore dell’animazione – in autentici “cult” del mondo dei manga quali “Occhi di gatto”, “Cobra” e “Ken il guerriero”; una presenza, quella di Takuya Wada, particolarmente attesa quest’anno stante il “forfait” dell’ultim’ora alla settima edizione di “Japan matsuri”. Nella foto, un momento dell’incontro fra Takuya Wada ed il pubblico; altre immagini sulla nostra pagina “Facebook”.