Home SPIRITUALITA' 17 reclute per le Guardie svizzere. Fra un mese la scuola in...

17 reclute per le Guardie svizzere. Fra un mese la scuola in Ticino

Due grigionesi (uno dei quali ora domiciliato nel Canton Lucerna) e nessun ticinese nel nuovo contingente di reclute – effettivamente a disposizione da ieri e con impiego previsto a decorrere da lunedì 1.o novembre – della Guardia svizzera pontificia. I nomi: Manuel Elias Amrein da Willisau-Land (Canton Lucerna) in Buttisholz (Canton Lucerna); Gianluca Marco Luigi Andreato da Jona (Canton San Gallo) in Thalheim an der Thur (Canton Zurigo); Cyril Bernard da Pully (Canton Vaud) in Attalens (Canton Friborgo); Pascal Bieri da Schüpfheim (Canton Lucerna) in Buochs (Canton Nidvaldo); Marvin Felice Bisciotti da Bussigny (Canton Vaud) in Bussigny (Canton Vaud); Colin Bongard da Ependes (Canton Friborgo) in Le Mouret (Canton Friborgo); Adrian Brunner da Vilmergen (Canton Argovia) in Vilmergen (Canton Argovia); Gian Nino Cavegn da Tujetsch (Canton Grigioni) in Reiden (Canton Lucerna); Giulio Cinquegrani da Davos (Canton Grigioni) in Davos (Canton Grigioni); Florent Després da Oberschrot (Canton Friborgo) in Marly (Canton Friborgo); Alexander Gerovski da Rudolfstetten-Friedlisberg (Canton Argovia) in Rudolfstetten-Friedlisberg (Canton Argovia); Joshua Häfliger da Hergiswil bei Willisau (Canton Lucerna) in Sempach (Canton Lucerna); Ferdinand Leon Jäger da San Gallo-Straubenzell (Canton San Gallo) in Frauenfeld (Canton Turgovia); Tobias Müller da Oberägeri (Canton Zugo) a Morgarten (Canton Zugo); Robin Portal da Sankt-Ursen (Canton Friborgo) in Albeuve (Canton Friborgo); Lukas Philipp Wicki da Escholzmatt (Canton Lucerna) in Escholzmatt (Canton Lucerna); Dominik Lukas Zemp da Escholzmatt (Canton Lucerna) in Escholzmatt (Canton Lucerna).

Nelle prime quattro settimane di attività, il gruppo sarà chiamato a familiarizzarsi con gli ambienti di servizio, si sottoporrà a visite mediche, sarà chiamato a frequentare corsi di lingua italiana ed acquisirà conoscenza di persone, luoghi ed esigenze di formazione militare specifica per la Guardia svizzera pontificia; dalla Città del Vaticano, poi, il trasferimento alla piazza d’armi di Monteceneri per l’istruzione alle tecniche di sicurezza e di tattica sotto la guida di istruttori e di formatori della Polcantonale ticinese, divendosi tra aule e terreno per materie quali elementi di psicologia, elementi di diritto, formazione antincendio, tecniche di pronto soccorso, tiro e sicurezza personale, comportamento tattico e sport. A fine ottobre il rientro in Vaticano per l’atto conclusivo della formazione.

Articolo precedenteLomazzo (Como): collisione sulla A9, tre persone ferite, disagi per ore
Articolo successivo“Kiwanis Mendrisiotto”, tempo di ripartenza. Con nuove energie