Home CONFINE Valico Bizzarone-Novazzano: lingotto d’oro in auto, uomo denunciato

Valico Bizzarone-Novazzano: lingotto d’oro in auto, uomo denunciato

I contanti, non pochi ma in regola; quel lingotto d’oro da 100 grammi, invece, no. Due pregiudicati, entrambi cittadini italiani con residenza nella provincia di Bergamo, sono stati intercettati e fermati nei giorni scorsi ad un valico italo-svizzero di Bizzarone (Como) su Novazzano, sul momento del passaggio del confine direzione nord, ed uno di loro è stato denunciato per vari addebti tra cui l’autoriciclaggio, l’aver posto in essere “una condotta criminosa idonea ad ostacolare concretamente la riscossione delle tasse da parte del Fisco italiano”, la sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e persino la falsa attestazione finalizzata al conseguimento del cosiddetto “reddito di cittadinanza”, vale a dire un beneficio cui possono chiedere di accedere le persone in condizione di temporanea o prolungata indigenza. Sulla scorta degli accertamenti condotti a cura di operatori della Guardia di finanza (compagnia di Olgiate Comasco), è emerso tra l’altro che uno dei due uomini era in debito verso l’Erario italiano in misura prossima ai 400’000 euro; cifra che forse, se bisogna credere alle dichiarazioni rilasciate in prima battuta ai finanzieri, egli credeva di poter recuperare proprio su suolo ticinese, avendo i due sostenuto in sostanza di essere… giocatori abituali e diretti verso un… casinò.