Home CRONACA Novazzano: rapina riuscita, malvivente preso a filo di ramina

Novazzano: rapina riuscita, malvivente preso a filo di ramina

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 19.51) Pericoloso, sì; sostanzialmente stupido, sì due volte. Un malvivente 24enne, autore stamane di una rapina a mano armata – taglierino brandito all’indirizzo della commessa – alla stazione di servizio “Piccadilly” di Novazzano zona Marcetto, è finito in manette a distanza di poche ore su suolo italiano, dove il giovane stesso (questa la prima ricostruzione dei fatti) si è fatto riconoscere in una tabaccheria sita a qualche centinaio di metri dal confine e mentre il dispositivo di ricerca era a pieno regime sul mandato internazionale di cattura emesso dal ministero pubblico ticinese.

In altre parole, colpo messo a segno cioè denaro prelevato dalla cassa (nessuna conseguenza fisica per l’addetta al punto-vendita annesso alle pompe di benzina) alle ore 9.30 circa, esfiltrazione compiuta (a bordo di una bicicletta…) alle ore 9.34, valico attraversato alle ore 9.37 e prima che le Guardie di confine venissero raggiunte dall’allarme, autooccultamento sino al primo pomeriggio e subitaneo autoriappalesamento. giusto in tempo per finire tra le braccia dei Carabinieri, stazione di Olgiate Comasco, e degli agenti della Polizia locale Terre di frontiera (consorzio tra Polizie locali di Bizzarone, Faloppio, Uggiate-Trevano e Ronago). L’autore della rapina è risultato essere residente nella zona di Olgiate Comasco; non è noto se egli abbia precedenti specifici o generici. Principale ipotesi di reato: rapina. Inchiesta nelle mani del procuratore pubblico Zaccaria Akbas.