Home POLITICA Finanze cantonali, cifre nere. Grazie (anche) a gentili omaggi…

Finanze cantonali, cifre nere. Grazie (anche) a gentili omaggi…

Cifre nere con decorazioni avoriate e vernice brillante quelle che Palazzo delle Orsoline sponda Esecutivo annunciò stamane a mo’ di rendiconto intermedio sul secondo trimestre, valendo dunque la data del 30 giugno 2019: finanze cantonali ad incremento di 16.5 milioni di franchi rispetto all’aggiornamento intermedio di aprile, avanzo effettivo in ascesa ad 89.8 milioni di franchi. Virtù certa, e che la fortuna aiutò: ad una minor spesa per 27.4 milioni di franchi sono infatti da aggiungersi oltre 50 milioni di franchi in maggiori ricavi, potendosi calcolare una buona metà (27.6 milioni di franchi) da quota utili della “Banca nazionale svizzera”, 10.3 milioni di franchi da rimborsi delle indennità della “Autopostale” e 15 milioni di franchi in imposte supplementari e multe. “Raggiunti gli obiettivi che ci eravamo posti, evoluzione positiva su cui si generano le basi per i progetti che stiamo definendo”, così l’autorità politica cantonale in breve nota di commento. Ma… il solito “ma”: “A condizione che l’equilibrio raggiunto sia mantenuto, fissandosi le necessarie priorità nelle scelte che saranno effettuate”.