Alla “Artrust” lo... spruzzo culturale di Andrea “Ravo” Mattoni

Alla “Artrust” lo... spruzzo culturale di Andrea “Ravo” Mattoni
Dedicata allo “street artist” Andrea “Ravo” Mattoni, 37enne italo-svizzero in area insubre (varesino di padre milanese ed ascendenze bedrettesi in linea femminile), la mostra - prima tappa, tra l'altro, del ciclo “Street art ways” - che viene inaugurata oggi negli spazi della “Artrust” di via Pedemonte di Sopra 1 in Melano. Presente per l'intera giornata lo stesso Andrea “Ravo” Mattoni, tra l'altro al primo appuntamento espositivo “indoor” in Ticino ed in Svizzera, la rassegna è articolata su un approfondimento delle idee e delle modalità operative di colui che è ormai riconosciuto a livello internazionale come uno tra i più solidi autori di “murales” tematici e realizzati con lo “spray”, primaria fonte di ispirazione - e di replica, e di reinterpretazione - i classici dell'arte pittorica. La cultura dell'immagine è del resto nella storia familiare di Andrea Mattoni: Carlo Mattoni, il padre, fu ottimo grafico pubblicitario oltre che mano originale in àmbito situazionista ed illustratore di libri; Alberto Mattoni, lo zio, fu inventore del personaggio “Lillibeth”; Giovanni Italo Mattoni, il nonno, è ricordato come illustratore delle figurine “Lavazza” e “Liebig” oltre che come cartografo. Soddisfatta Patrizia Cattaneo Moresi, direttrice della “Artrust”: “Al movimento della “street art”, in indagine dalla nascita ai giorni nostri, avevano già dedicato due ampie panoramiche; abbiamo tuttavia pensato che fosse utile il proporre un racconto più particolareggiato ed approfondito”.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry