Truffa alla nigeriana, adesso tentano il colpo dalla Spagna

Truffa alla nigeriana, adesso tentano il colpo dalla Spagna
Vecchie storie, nuovi trucchi. Vari tentativi di truffa sono stati tentati nei giorni scorsi - a confermarlo fonti della Polcantonale - con raffiche di comunicazioni via “e-mail” o per posta ordinaria e nelle quali un sedicente avvocato di un sedicente studio legale in Spagna si fa vivo con cittadini residenti in Ticino indicandoli come eredi di una prodigiosa fortuna (si viaggia sempre nell'ordine delle milionate di euro; quale eredità mirabile sarebbe, in caso contrario?) lasciata da un congiunto a suo tempo trasferitosi nella Penisola iberica. Siamo al solito raggiro da truffa alla nigeriana: per l'accesso al peculio vengono richiesti dati personali quali i numeri dei conti correnti (come strumento di verifica dell'effettiva titolarità del denaro) e l'invio di una cifretta a titolo di anticipo per le spese, eh, signor mio, l'avvocato non lavora gratis ma si rende disponibile per sistemare ogni problema giuridico e logistico e tecnico. Raccomandazione: niente “clic” su indirizzi InterNet che vengano forniti, evitare di aprire gli allegati, eliminare ogni “file” eseguibile (quelli in formato .exe, ad esempio; ma anche nei .Pdf si nascondono insidie). Insomma: diffidare e basta. Soprattutto se di parenti in Spagna non si ebbe mai notizia...
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry