Filo di nota / “Gole profonde” a palazzo. Tutti Corvi con il becco degli altri

Filo di nota / “Gole profonde” a palazzo. Tutti Corvi con il becco degli altri
Entro tempi brevi, come assicurano dalla Cancelleria dello Stato, chi sia dipendente dell'Amministrazione cantonale avrà a disposizione una “dropbox” elettronica ed una cassetta fisica (tipo posta, toh) in cui depositare lamentele, osservazioni ed anche denunzie circa malfunzionamenti e fatti spiacevoli (non escluse eventuali situazioni di illegalità d'ogni genere) all'interno dello... Stato-azienda per cui lavora. Dandosi anche per garantita - ma per un paio di ragioni preferiamo non scommetterci - la riservatezza della fonte quale che sia il canale da utilizzarsi, netta è la sensazione di una resa dell'ente pubblico davanti all'emergere di fatti risultati poi essere degni di attenzione sia in cronaca sia in sede giudiziaria; piacerà difatti ed assai, in altri luoghi, la pratica del “whistleblowing”, ma a noi sembra che trattisi di mera delazione e, per di più, da parte di soggetti che in assenza dell'anonimato mai troverebbero il coraggio di metter fuori la testa e di mettere in evidenza, davanti agli occhi dell'autorità di controllo (che esiste), quanto di improprio stia allignando negli uffici. Un coraggio che, si noti, sicuramente è mancato a coloro che erano al corrente di pratiche illecite sui permessi di lavoro, nelle relazioni interpersonali (sino alle vessazioni) e nei comportamenti di singoli che per esempio, sfruttando la propria posizione, non esitarono poi a mentire o a nascondere la verità una volta interpellati dai controllori. Prepariamoci: potrebbe giungere un'altra stagione di corvi come ai tempi del “TicinoGate”. E sì che, invece, basterebbe l'onestà nel rapporto con il proprio datore di lavoro (e di salario).
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry