Dalla Svizzera italiana per rubare oltreconfine: due ragazze nei guai

Dalla Svizzera italiana per rubare oltreconfine: due ragazze nei guai
Due giovani domiciliate nella Svizzera italiana - 19 anni e grigionese della zona di Lostallo l'una, 20 anni e ticinese di Bellinzona l'altra - sono state fermate ieri da effettivi dell'Arma dei Carabinieri per le attività di taccheggio effettuate in vari punti-vendita del centro commerciale di Arese (Milano). L'individuazione della coppia di ladre sarebbe avvenuta - tale la versione fornita - sulla scorta dei sospetti di alcuni addetti alla sicurezza che hanno messo sull'avviso le forze dell'ordine; sufficiente un primo controllo, appena all'esterno del negozio “Primark” (nella foto), per far scoprire capi di abbigliamento, referenze di bigiotteria e prodotti cosmetici “prelevati” indebitamente in almeno cinque distinte realtà commerciali. Controvalore stimato a minuto: l'equivalente di circa 1'800 franchi. Il trucco: l'utilizzo di un dispositivo magnetico che neutralizza le placche di sicurezza sugli articoli. La refurtiva è stata catalogata e restituita ai responsabili dei punti-vendita “visitatI” dalle ragazze; per queste ultime, dopo convalida dell'arresto, è scattata la denuncia a piede libero.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry