Quando il Ticino batteva moneta cantonale: conferenza a Lugano

Quando il Ticino batteva moneta cantonale: conferenza a Lugano
C'erano monete in argento, all'esergo in franchi svizzeri, con pezzi da quattro, da due, da una, da mezza e da un quarto di unità; c'erano monete in mistura metallica con il rame, all'esergo in soldi (tre) e denari (sei e tre); c'era, soprattutto, lo spirito di un Ticino da poco costituitosi in Stato e che, grazie ad un compromesso forse non tipicamente svizzero ma molto ben applicato, coniava valuta ovvero batteva moneta cantonale. Proprio alla monetazione cantonale di due secoli or sono sarà dedicata sabato 10 marzo la conferenza del “Circolo numismatico ticinese”, primo appuntamento nel calendario di attività 2018, Lugano la sede scelta (residenza “La meridiana” in quartiere Viganello, via Crocetta 8); al relatore Fabio Luraschi il compito di fornire un inquadramento storico e di delinare l'esperienza condotta indicativamente tra il 1803 (“Atto di mediazione” come “terminus a quo”) ed il 1848, anno nel corso del quale il franco svizzero iniziò a subentrare alle monete cantonali. Ingresso libero, prevista la proiezione di diapositive, inizio ore 18.00.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry