Savosa, la “Masaba” nel novero delle aziende svizzere “fair trade”

Versione stampabileVersione PDF
Savosa, la “Masaba” nel novero delle aziende svizzere “fair trade”
Un nuovo “partner” dal Ticino per il programma del “Fair trade Swiss”, realtà-mantello con sede a Basilea e sotto la quale si legittimano le imprese commerciali strutturate secondo la visione del commercio ecosostenibile ed equosolidale: lunedì 19 giugno, nel corso dei lavori dell'assemblea generale dell'organizzazione a Berna, il riconoscimento ufficiale sarà infatti attribuito alla “Masaba coffee Sagl” di Savosa, sin dalla fondazione - anno 2011, all'epoca nelle forme di una “start-up” - concepita come impresa etica su entrambi i fronti. Determinanti, nella valutazione da parte dei vertici della “Fair trade Swiss”, almeno quattro elementi: l'originalità dell'idea, grazie alla quale è stata rivalorizzata la varietà Bugisu arabica e sono tornate a nuova vita ben sette stazioni di lavaggio alle pendici del Monte Elgon, in Uganda; la scelta di operare nella formazione continua degli agricoltori (circa 7'000 quelli coinvolti), con investimenti sul versante del biologico; il controllo completo sulla filiera, dalla coltivazione alla torrefazione; l'agire nel segno del “fair trade” sino al rapporto con il consumatore, la cui opinione ed il cui consenso stanno alla base della continua revisione e del sistematico affinamento del progetto.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry