Filo di nota / Ticino ai turisti, sì. Ma si pretenda un po' di decoro

Versione stampabileVersione PDF
Filo di nota / Ticino ai turisti, sì. Ma si pretenda un po' di decoro
Ticino dell'accoglienza, Ticino di nuovo meta del turismo da tre giorni nella speranza che questo induca e conduca gli ospiti a soggiorni più lunghi, Ticino del sorriso, Ticino (anche) dei ristoratori che una volta per tutte la smettano di rispondere che “la cucina è chiusa” se due o quattro ragazzi entrano nel locale dopo essere andati al cinema. Tutto giusto, tutto doveroso. Ma non un Ticino che si dimentichi di chiedere ai visitatori di comportarsi in modo ragionevole e, perlomeno, nel modo in cui agirebbero se fossero a casa propria. Il che sta invece accadendo: sui treni regionali, già nel primo pomeriggio di oggi, ubriachi allo stato brado e screanzati di ogni età e, a frotte, i senzabiglietto (visti tuttavia i controllori all'opera. Per multare tutti i furbetti sarebbe stato necessario il blocco del convoglio in qualche stazione...); nelle stazioni ed in spazi aperti, comportamenti che non tutti sono disposti a tollerare; in zona sponda Verbano locarnese e limitrofi, gruppi interi a sdraiarsi nelle aiuole (vedasi foto GdT); qua e là, abbandonati ammassi di rifiuti da consumazioni. Tra le milionate di inutili campagne pubblicitarie “pro ambiente”, non si trovano quattro ghelli per affiggere qualche cartello di richiamo all'ordine?
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry