Egitto, l'Islam fa strage in due chiese: almeno 36 vittime, oltre 100 feriti

Versione stampabileVersione PDF
Egitto, l'Islam fa strage in due chiese: almeno 36 vittime, oltre 100 feriti
(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 14.14) Gronda sangue di cristiani la domenica delle Palme in Egitto: almeno 36 persone sono morte e più di 100 sono rimaste ferite in séguito all'esplosione di due ordigni, il primo nella chiesa titolata a san Giorgio in Tanta ed il secondo nella cattedrale titolata a san Marco in Alessandria. Da più fonti locali l'indicazione della mano di islamisti dietro agli attentati; evidente anche la pianificazione degli atti terroristici a ridosso l'uno dell'altro, tra l'altro in due luoghi tra i più amati dalla comunità copta - in cui si riconosce il sei-sette per cento dei cittadini egiziani - e nei quali era prevedibile la concentrazione di migliaia di fedeli. A Tanta, città che si trova a 95 chilometri circa in direzione nord-nord-ovest dal Cairo, gli effetti più devastanti, risultando al momento 25 le vittime e 71 coloro che hanno dovuto far ricorso alle cure dei sanitari o sul luogo o in ospedale; sale in modo angosciante, nel frattempo, il computo di morti e feriti (11 e 35 rispettivamente) che le autorità forniscono da Alessandria. Sul fronte delle indagini, due uomini sono stati fermati dalle forze di polizia a Tanta; da prime indicazioni pare che le bombe siano state fatte esplodere con l'utilizzo di congegni a distanza. Un messaggio di solidarietà è stato inviato da papa Francesco “al mio fratello Tawadros II”, patriarca di Alessandria e papa della Chiesa ortodossa copta.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry